​#wellnessmountain  | 
IT | EN

| LA TUA VACANZA INIZIA DA QUI

Chiavenna: alla scoperta della Pace

Da Bormio, prendendo la SS. 38 fino a Morbegno, si incontra la deviazione che porta a Chiavenna.

Il centro storico della cittadina, capoluogo dell’omonima valle, è caratterizzato dalla presenza della pietra ollare utilizzata sin dal tempo dei romani per la creazione dei “laveggi” o pentole. Passeggiando tra le vie del paese, si possono ammirare le case a schiera rinascimentali, i palazzi nobiliari e le caratteristiche case sul fiume Mera, sorte nel XVI sec. sopra le mura di cinta sforzesche. Meritano sicuramente una visita il Museo del Tesoro di S. Lorenzo (dove è conservata la Pace di Chiavenna, una coperta di evangeliario del XI secolo in oro sbalzato, gemme, perle e smalti, capolavoro dell’oreficeria medievale) e la Collegiata di S. Lorenzo con il suo fonte battesimale romanico.

Uscendo dal paese, si raggiunge l’abitato di Prosto dove d’obbligo è una sosta a Palazzo Vertemate-Franchi, una delle più prestigiose e meglio conservate dimore signorili del Cinquecento in Lombardia. In Valchiavenna, meritano una visita anche le Cascate dell’Acqua Fraggia, in località Borgonuovo.

Consigliamo di proseguire l’itinerario percorrendo la strada che porta, attraverso la Val Bregaglia, al Passo del Maloja (1815m.) e alla Svizzera. Da qui, attraversando la Regione dei Laghi, tra i quali spicca il lago di Silvaplana, si raggiunge St. Moritz, perla glamour dell’Engadina. Il rientro a Bormio è possibile attraverso il Passo del Bernina (aperto tutto l’anno) e Tirano.

Totale percorso: 270 km

Importante: ricordarsi di portare un documento valido per l’espatrio (carta d’identità o passaporto) sia per gli adulti che per i bambini