Rifugi in Valtellina: aperti da marzo 2018 | Scialpinismo | bormio.eu
​#wellnessmountain  | 
IT | EN
rifugi in valtellina: il rifugio pizzini in valfurva.

| LA TUA VACANZA INIZIA DA QUI

/Rifugi in Valtellina: aperti da marzo

L’avvicinarsi della primavera assume un grande significato per chi abita le montagne in alta quota.

In questi giorni tanti rifugi in Valtellina si preparano ad aprire i battenti per la gioia di scialpinisti ed escursionisti.

Quando aprono i rifugi in Valtellina?

Nei dintorni di Bormio, una rete di rifugi alpini sarà a disposizione degli scialpinisti a partire dai primi giorni di marzo, inaugurando il periodo più propizio per le randonnée con le pelli di foca.

CI SIAMO...Con le immagini del magnifico scenario presso il #rifugioforni annunciamo ufficialmente l'APERTURA SABATO 3 MARZO!!!

Pubblicato da Rifugio Forni su Mercoledì 28 febbraio 2018

Siamo pronti !! Da oggi siamo aperti!! Potete venire a trovarci e divertirvi con sci, ciaspole, fat-bike e perché no anche con il bob! Vi aspettiamo!

Pubblicato da Rifugio Branca su Mercoledì 28 febbraio 2018

Rifugi in Alta Valtellina che riaprono in primavera

  • In Valfurva, nella zona dei Forni, ai piedi del più grande ghiacciaio vallivo italiano, è aperto il Rifugio Forni, situato a quota 2.220 metri al termine della strada che sale da S. Caterina Valfurva.
  • È aperto anche il Rifugio Branca, a 2.493 m, proprio di fronte al Ghiacciaio dei Forni.
  • Salendo ancora più in alto, è aperto a partire da oggi anche il Rifugio Pizzini, a 2.706 m, alla testata della Val Cedec.
  • Da metà mese, ad altissima quota, trovi il Rifugio Casati, a 3.269 m, tra le vette del Gran Zebrù e del Monte Cevedale.
  • Nella zona della Val Viola, in Valdidentro, invece, l’Agriturismo Baita Caricc, a 1.990 m, è un punto di appoggio accessibile tutto l’anno e facilmente raggiungibile dalla località Arnoga, sulla statale che da Bormio conduce a Livigno.
  • Più in alto, il Rifugio Federico in Dosdè, 2.133 m, nella valle omonima, ha recentemente aperto al pubblico.

La neve non è un ostacolo! Tutt’altro! Come raggiungere il rifugio? Con le pelli di foca!

Per quanto riguarda gli itinerari, ovviamente, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Ti proponiamo itinerari di due tipologie:

  • itinerari MS (per medio scialpinista)
  • itinerari OSA (per ottimo sciatore alpinista, su pendenze di oltre 40° e con uso di attrezzature alpinistiche).

Pratica lo scialpinismo con consapevolezza e la dovuta preparazione. Porta con te l’indispensabile attrezzatura di autosoccorso, ovvero pala, sonda e artva.

Esempi di itinerari per medio scialpinista

Solo per fare qualche esempio, riguardo a itinerari non su ghiacciaio, una meta ambita per medi sciatori può essere il Corno S. Colombano (3.020 m) in Valdisotto, con partenza dal Forte di Oga oppure dal punto di arrivo della seggiovia La Rossa-S. Colombano.

Altro percorso relativamente facile, in Valdidentro, è la salita alla Motta Grande (2.716 m) da Arnoga.

Classica l’ascesa alla Cima dei Forni (3.247 m) con partenza dal Rifugio Forni o la salita, sempre dai Forni, verso i tre rifugi più in quota (Branca, Pizzini e Casati). La zona dei Forni è raggiungibile con le pelli da S. Caterina Valfurva salendo verso l’Ables, con la possibilità di una tappa intermedia al Rifugio Stella Alpina, a 2.061 m.

Molto frequentata anche la traversata Valfurva/Sondalo – Val di Rezzalo (da Fumero, frazione di Sondalo in salita o da S. Caterina, salendo con gli impianti, in discesa), dove si può fare una sosta presso il Rifugio La Baita, a 1.860 m.

Esempi di itinerari per ottimo sciatore scialpinista

Le scialpinistiche per il Pizzo Tresero e la Punta S. Matteo, partendo dai Forni, essendo percorsi con attraversamento di ghiacciaio, sono consigliabili solo per scialpinisti esperti, con dotazione di corde, piccozze e ramponi (ricordandosi che è sempre meglio affidarsi, in questi casi, a una guida alpina).
Tra i raid sci alpinistici più intensi, il prestigioso Tour Alta Via dei Rifugi, in zona Forni e la Traversata Bormio-Livigno, attraverso la Val Viola, di circa 38 km di sviluppo, con difficoltà alpinistiche.

29° Raduno Internazionale di Sci Alpinismo Ortles-Cevedale

Dal 15 al 18 marzo si terrà in Alta Valtellina un classico appuntamento organizzato dal CAI Valfurva: il Raduno Internazionale di Sci Alpinismo Ortles-Cevedale, giunto alla 29ma edizione, una quattro giorni dedicata agli amanti delle pelli di foca, della montagna e dei tracciati di alta quota.

Per informazioni e iscrizioni: Raduno Internazionale Sci Alpinismo

Licenza Creative Commons
Opera distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale.

7 Marzo 2018 | 18:00